Faccia a faccia

Croce rossa
Faccia a faccia
Alessia Cosseddu

Primo italiano presidente della Federazione internazionale delle società di Croce rossa e Mezzaluna rossa, oltre che della Croce rossa italiana, Francesco Rocca dal suo “punto di osservazione privilegiato”, come lui stesso lo definisce, ci aiuterà a fare un bilancio dell'anno che sta per chiudersi. Tra crisi e pandemia ma confidando nel volontariato e nella scienza

sicilia.leoni
Faccia a faccia
Sandra Fiore

Stefania Auci, autrice dei best seller dedicati alla dinastia dei Florio, racconta il suo successo dopo dieci anni di gavetta fino all'idea di raccontare la saga familiare, dall'ascesa al declino. Una storia di emigrazione e di riscatto, incentrata su emozioni condivise e universalmente riconosciute, entro uno scenario di grandi trasformazioni politiche e sociali a cavallo tra Otto e Novecento

Foto di Roberto De Simone
Faccia a faccia
Sandra Fiore

Sacre rappresentazioni e feste popolari, il virtuosismo dei cantanti evirati del Settecento e i componimenti aulici, le scenografie fantasiose  e costumi storici: sono alcuni elementi che  compongono il grande mosaico della produzione di Roberto De Simone, catapultandoci nella Napoli del XVIII secolo, capitale florida economicamente e culturalmente, e nelle tradizioni orali tramandate da una mondo agropastorale ormai scomparso. Compositore, musicista ed etnomusicologo ha esplorato le manifestazioni della religiosità napoletana e campana con lo sguardo del ricercatore e dell'uomo appassionato della sua città

Dario.
Faccia a faccia
Rita Bugliosi

Dario Argento, acuto conoscitore dei meccanismi psicologici che scatenano l'inquietudine e risvegliano timori ancestrali, è noto in tutto il mondo per le sue pellicole di genere thriller e horror, che hanno terrorizzato intere generazioni di spettatori, da “L'uccello dalle piume di cristallo” a "Profondo rosso", da "Suspiria” a “Tenebre”. Lo abbiamo incontrato per parlare con lui del suo sguardo sulla realtà vista da dietro la macchina da presa. E non solo

 

Sveva Sagramola primo piano
Faccia a faccia
Alessia Cosseddu

Da ventitré anni volto dei pomeriggi di Rai Tre con la trasmissione Geo, Sveva Sagramola parla di come è cambiata la consapevolezza ambientale nel suo pubblico in questo arco di tempo. E afferma di essere convinta che solo se capiamo di essere interconnessi con tutti gli altri sistemi viventi del Pianeta possiamo andare, tutti insieme, verso una completa ed efficace transizione ecologica

mons.
Faccia a faccia
Marco Ferrazzoli

Silvio Garattini sostiene un servizio sanitario il cui perno sia uno stile di vita corretto. “La riforma della sanità in senso regionale va rivista”. Nella vita, dice il farmmacologo, “bisogna avere un ideale”

Foto della scrittrice Edith Bruck
Faccia a faccia
Sandra Fiore

Testimone dell'orrore nei campi di concentramento nazisti, la scrittrice Edith Bruck, ebrea di origine ungherese, ha saputo gestire un carico di ricordi laceranti grazie alla “terapia” della scrittura, intesa come liberazione e volontà di lasciare un segno, un monito a non cedere alla barbarie di cui ella stessa fu vittima quando era adolescente. 

Francesco Bocciardo
Faccia a faccia
Francesca Gorini

Il nuotatore genovese classe 1994, affetto dalla nascita da diplegia spastica, si è avvicinato allo sport come forma di terapia. Fresco del doppio oro conquistato ai Giochi paralimpici di Tokyo, nelle gare 100 e 200 metri stile libero per la categoria S5, esorta i giovani - disabili e non - a credere nei propri obiettivi

La scrittrice Donatella Di Pietrantonio
Faccia a faccia
Rita Bugliosi

Vincitrice con il romanzo l'"Arminuta” (Einaudi) del premio Campiello, Donatella Di Pietrantonio, vive a Penne (Pe), dove svolge l'attività di odontoiatra pediatrica; con “Borgo sud” (Einaudi)  ha conquistato il secondo posto al premio Strega di quest'anno. Al centro dei suoi romanzi, tutti ambientate in Abruzzo, ci sono sempre rapporti familiari, dei quali ama parlare perché, come ci spiega nel corso dell'intervista: “Mi attraggono per il loro potenziale e per l'influenza che esercitano nella vita di tutti noi. Credo che, per quanto vogliamo emanciparci, liberarci dalle nostre origini, ne siamo comunque plasmati”

Giovanna Botteri
Faccia a faccia
Alessia Cosseddu

Giovanna Botteri esordisce come giornalista nella sede regionale della Rai di Trieste, da qui passa al Tg3, quindi nelle zone di guerra come inviata e poi a New York. Nell'agosto del 2019 arriva a Pechino, raccontando della pandemia da dove tutto ha avuto inizio

Corrado Augias
Faccia a faccia
Alessia Cosseddu

Giornalista, scrittore, autore e conduttore televisivo, Corrado Augias è autore di programmi come "Telefono giallo" e "Quante storie". Nella ricorrenza dei duecento anni dalla morte, parliamo assieme della figura controversa di Napoleone. Ma anche dell'evoluzione della tv dagli anni '80 a oggi, della pandemia e degli atteggiamenti controversi che suscitano le scoperte scientifiche

Simone Cristicchi
Faccia a faccia
Marco Ferrazzoli

Di esperienze, tra cui quelle sanremesi, ne ha collezionate molte. Abbina collaborazioni, ispirazioni e modalità sempre nuove, dalla canzone al “teatro civile”, dalla musica ai libri, dai video ai fumetti: il suo primo maestro è stato Jacovitti.  Temi centrali: la poesia, la follia, la memoria storica

Marco Malvaldi
Faccia a faccia
Alessia Cosseddu

Chimico, scrittore, giallista e divulgatore scientifico, Marco Malvaldi torna in libreria con “La direzione del pensiero" (Raffaello Cortina Editore). Nell'intervista ci spiega perché è importante parlare di "causalità" e sottolinea quanto capire le cause ci permetta di intervenire sulle conseguenze. Con lui parliamo anche di quali risposte la scienza può dare alle reazioni emotive che quest'emergenza sanitaria sta suscitando. Con una piccola incursione nel mondo dei vecchietti del BarLume, protagonisti della famosa serie di gialli di cui Malvaldi è autore: come avrebbero reagito alla pandemia?

Gian Carlo Blangiardo
Faccia a faccia
Marco Ferrazzoli

Incontriamo Gian Carlo Blangiardo, presidente dell'Istat, per parlare dei fenomeni sociali su cui la pandemia sta agendo da amplificatore: il calo demografico, le fragilità, le migrazioni e la crisi di molti settori economici. “Occorre sviluppare una cultura statistica, interpretare correttamente i dati, capirne il messaggio e l'utilità, distinguere l'autorevolezza delle fonti”

Luciano Canfora
Faccia a faccia
Rita Bugliosi

Luciano Canfora, accademico, grande conoscitore della cultura classica è convinto dell'importanza per i giovani della conoscenza degli autori greci e latini. Con lui abbiamo parlato, tra l'altro, dei problemi dell'Unione Europea e delle pandemie: di quelle passate e della presente. Lo scorso dicembre ha ottenuto il riconoscimento Giancarlo Dosi per la divulgazione scientifica, attribuito dall'Associazione italiana del libro, premio di cui il Cnr è tra i main partner

Il linguista Luca Serianni
Faccia a faccia
Rita Bugliosi

Professore emerito di Storia della lingua italiana all'Università “Sapienza” di Roma, Luca Serianni è socio nazionale dell'Accademia dei Lincei e della Crusca, dal 2010 vicepresidente della Società Dante Alighieri e dal 2017 svolge il ruolo di consulente del ministero dell'Istruzione per l'apprendimento della lingua italiana. Tra i più autorevoli studiosi di Dante, lo abbiamo incontrato per parlare con lui del Sommo Poeta e, più in generale, dello stato della lingua italiana

Sara Cardin
Faccia a faccia
Claudio Barchesi

Karateka e campionessa europea di kumite,  numerose medaglie ai mondiali e ai Giochi del Mediterraneo, Sara Cardin  pubblica la sua autobiografia con la giornalista Tiziana Pikler. Tra i suoi prossimi obiettivi, racconta,  la qualificazione per i Giochi olimpici di Tokyo

 

Piero Dorfles
Faccia a faccia
Emanuele Guerrini

Giornalista, scrittore e autore di programmi radiotelevisivi, Piero Dorfles conduce la trasmissione “Per un pugno di libri” di Raitre. Lo abbiamo incontrato al Monastero di Fonte Avellana, nelle Marche, in occasione del Festival di giornalismo culturale 2020 di cui è presidente

Ruth Dureghello
Faccia a faccia
Marco Ferrazzoli

Ruth Dureghello è la prima presidente donna della Comunità Ebraica di Roma, è stata eletta nel 2015 e riconfermata nel 2019. La intervistiamo a pochi giorni dalla conclusione del Festival Ebraica, al quale il Cnr collabora da diverse edizioni, e a poche ore da quella del Capodanno, Rosh Ha-Shanà. “La nostra tradizione è un patrimonio di tutta la città”, “Il dialogo e il rispetto reciproco con i cattolici sono un'acquisizione fondamentale”, “L'essenza della religione ebraica consiste nella capacità di sapersi porre domande e saper compiere un'analisi critica in un modello che si avvicina allo spirito della ricerca scientifica”

Annamaria Testa
Faccia a faccia
Alessia Cosseddu

Annamaria Testa è uno dei principali protagonisti nel campo della comunicazione commerciale e della pubblicità. Ci spiega quali caratteristiche deve avere un messaggio di successo nel marketing e nell'advertising. Ma con lei abbiamo parlato anche di creatività, comunicazione istituzionale, divulgazione scientifica e fake news

Paolo Di Giannantonio
Faccia a faccia
Alessia Cosseddu

Iscritto all'ordine dei giornalisti dal 1980, nel 1983 entra in Rai. Ha svolto numerose inchieste e, come inviato del Tg1, ha girato il mondo. La Siria è il luogo che più di tutti gli è rimasto nel cuore. Nell'intervista racconta alcuni episodi dei suoi 40 anni di attività in tv ma anche nei new media

Luca Bigi
Faccia a faccia
Claudio Barchesi

È Luca Bigi, tallonatore della franchise delle Zebre di Parma. Nato a Reggio Emilia il 19 aprile 1991 (h. 1,81 m p. 105 Kg) gioca a rugby dall'età di 14 anni. Dal gennaio 2020 è lui il nuovo capitano dell'Italia. Succede al mitico n. 8, Sergio Parisse, che ha guidato gli azzurri dal 2008 al 2019

Mario Calabresi
Faccia a faccia
Marco Ferrazzoli

Mario Calabresi è stato tra l'altro direttore della “Stampa” e di “Repubblica”, ma da tempo si dedica alla sperimentazione di nuove tecniche di informazione quali podcast, newsletter e blog. Tra i suoi libri “Spingendo la notte più in là”, la storia del padre, il commissario Luigi barbaramente ucciso negli anni di piombo, e delle conseguenze del terrorismo. “Chi oggi si preoccupa dell'odio sui social non sa o non ricorda che c'è stato un periodo nella storia italiana terribilmente più violento”, ricorda. Con lui abbiamo parlato soprattutto di stampa e online, dei ritardi di giornalisti ed editori rispetto alla rivoluzione digitale. “Come nel vostro settore: dopo la crisi del 2008 dovevamo investire di più proprio in ricerca e sviluppo”

Andrea Vianello
Faccia a faccia
Marco Ferrazzoli

Ricominciare a vivere dopo un grave ictus che tra l'altro gli ha tolto l'uso della voce, il suo strumento di lavoro. Il giornalista radio-televisivo - ora recuperato grazie a un intervento e a una lunga riabilitazione - sente la “responsabilità di mobilitarmi perché ci siano più prevenzione e attenzione verso questa patologia”. Ha cominciato a farlo confortando gli altri pazienti durante le cure e scrivendo un libro. Ma ha anche scoperto un mondo di operatori adiacente alla medicina che non è normato adeguatamente e come scienza e conoscenza siano spesso considerate alla pari di una posizione qualsiasi. “Con il Coronavirus abbiamo imparato ad affidarci agli esperti, speriamo non si torni al precedente clima antiscientista”