Teatro

Se le star sono i numeri

Una scena di uno spettacolo della rassegna TeatroInMatematica
di Rita Bugliosi

La matematica è protagonista di due spettacoli in scena a dicembre al teatro Oscar di Milano. Il progetto, che mira ad avvicinare il pubblico a questa disciplina, affronta sul palco tematiche in cui numeri e teoremi sono legati alla vita di tutti i giorni

Pubblicato il

'I numeri primi e la crittografia’ e 'L’irrazionale leggerezza dei numeri’, sono due delle piéce in cartellone a dicembre, al Teatro Oscar di Milano, all’interno della rassegna 'TeatroInMatematica’. L’iniziativa, ideata nel 2002 per 'Pacta dei teatri’ da Maria Eugenia D’Aquino, propone spettacoli che leghino numeri e teoremi alla vita di tutti i giorni.

'I numeri primi e la crittografia’, in scena il 5 dicembre, mostra gli aspetti più affascinanti, curiosi ed enigmatici di queste cifre, illustrandone anche le tante implicazioni nel quotidiano. Una parte della rappresentazione è ambientata su un treno speciale, il Trans Eulero Express, in un paese in guerra: le stazioni hanno per nome i numeri, ma  solo quelle che si chiamano con numeri primi costituiscono un rifugio sicuro per i passeggeri, perché, essendo distribuite a caso, come i numeri primi appunto, risultano di difficile individuazione per gli inseguitori.

A questa scena si alterna quella di un accampamento nemico, in cui due sentinelle si intrattengono giocando con i numeri primi e approdando così a interessanti scoperte, che però le distraggono dal passaggio del treno.

'L’irrazionale leggerezza dei numeri’, in cartellone il 10 dicembre, prende spunto invece da una probabile congiura ordita dai pitagorici per eliminare Ippaso, responsabile della divulgazione del segreto dei numeri irrazionali. Numeri e personaggi illustri ruotano intorno a una vicenda densa di mistero e di intrecci, alla quale si aggiunge l’esplorazione del mondo della musica, arte nella quale i pitagorici giocarono un ruolo fondamentale.

Maria Eugenia D'Aquino in scena

“Lo spettacolo è giocato sulla contrapposizione luce/ombra. Pitagora è la luce della conoscenza compiuta: nella sua concezione del mondo, i numeri descrivono perfettamente la realtà, non c’è nulla che sfugga alla sua intelligenza”, spiega la regista, Valentina Colorno. “Ippaso, suo discepolo e alfiere dei numeri irrazionali, porta la complessità all’interno della perfetta cattedrale del pensiero del maestro. La sua figura è rappresentata come il lato oscuro, complesso, dionisiaco di Pitagora; il loro rapporto è descritto come uno scontro di intelletti e la scoperta dei numeri irrazionali come una grande rivoluzione del pensiero, paragonabile a quella copernicana”.

Le schede

Titolo: I numeri primi e la crittografia

Regia: Valentina Colorno

Cast: Maria Eugenia D’Aquino, Massimo Loreto, Vladimir Todisco Grande; consulenza matematica Alberto Colorni, Politecnico di Milano

Quando: 5 dicembre 2014, ore 11.30 e 15.30

Dove: teatro Oscar, Milano

Info: http://pacta.org

--------------------------

Titolo: L’irrazionale leggerezza dei numeri

Regia: Valentina Colorno

Cast: Maria Eugenia D’Aquino, Massimo Loreto, Vladimir Todisco Grande; consulenza matematica Franco Pastrone, Università di Torino

Quando: 10 dicembre 2014, ore 11.30 e 15.30

Dove: teatro Oscar, Milano

Info: http://pacta.org/

Argomenti