Appuntamenti

Sull'onda del cambiamento

Immagine di cartello stradale con scritto "TIME FOR CHANGE"
di Marina Landolfi

Due appuntamenti con uno sguardo al domani. A Roma, una mostra visitabile sino a febbraio, in cui il pubblico può scoprire come l'incertezza permetta alla scienza di comprendere la realtà e di fare previsioni sui fenomeni naturali e sociali. A Verona, un festival che, dal 18 al 20 novembre, ospita esperti e studiosi internazionali che si confrontano sulle innovazioni che cambieranno la società e il Pianeta, dalla transizione energetica alla Space Economy

Pubblicato il

Il dubbio che caratterizza la visione scientifica moderna è il tema della mostra “Incertezza. Interpretare il presente, prevedere il futuro”, che si svolge al Palazzo delle esposizioni di Roma fino al 27 febbraio 2022. L'esposizione illustra al pubblico alcuni degli strumenti statistici e probabilistici applicati dalla scienza in vari contesti: dalla fisica alla medicina, dalle previsioni climatiche al big data, fino agli effetti del concetto di insicurezza sulla nostra vita, soprattutto in tempo di pandemia. 

Foto di mano che indica la scritta  "INNOVATION"

Il percorso espositivo è suddiviso in sezioni tematiche che, attraverso dispositivi, opere e installazioni multimediali, raccontano l'uso della scienza per comprendere la realtà e per prevedere fenomeni naturali e sociali. La prima sezione, “Misurare l'incertezza”, propone oggetti per la valutazione sempre più accurata del mondo, come la sfera di silicio usata per ridefinire le unità di misura campione. In esposizione anche gli scritti di Galileo sul gioco dei dadi, gli appunti di Bruno de Finetti sulla probabilità nei pronostici calcistici e una installazione immersiva e interattiva che porta il visitatore nel mondo delle particelle, uno dei concetti base della meccanica quantistica. La mostra è a cura dell'Istituto nazionale di fisica nucleare ed è co-prodotta dall'Azienda speciale Palaexpo, e rientra nel progetto promosso da Roma culture sul tema Arte-scienza.

Dal 18 al 20 novembre Verona ospita la terza edizione del Festival del futuro “La grande trasformazione: dal New Normal al Never Normal. La nuova onda di innovazione che cambierà il mondo”, con il focus sulle continue sfide che la società e il Pianeta devono affrontare. Oltre agli interventi dei ministri della Transizione ecologica Roberto Cingolani e delle Infrastrutture e mobilità sostenibile Enrico Giovannini, sono in programma sessioni con oltre 150 relatori internazionali, tra esperti e professionisti, che si confronteranno su temi legati al domani del Pianeta: l'Europa tra autonomia e nuova globalizzazione, transizione energetica, Space Economy, startup, salute, cibo, agricoltura, clima e innovazione. Tra le varie partnership del Festival, Istituto italiano di tecnologia, Italian Institute for the Future, Università di Verona e Bocconi di Milano. Il patrocinio è della Commissione europea. 

Informazioni:

Vai al sito della mostra

Vai al sito del Festival

Argomenti