Specialistica: Rifiuti

La persona al centro

Copertina del volume Verso un umanesimo della vita organizzativa
di Patrizio Mignano

Il libro "Verso un umanesimo della vita organizzativa" (Franco Angeli), descrive un'innovativa metodologia per il cambiamento elaborata nelle attività internazionali di action research sviluppate da Erica Rizziato dell’Istituto di ricerca per la crescita economica sostenibile del Consiglio nazionale delle ricerche

Pubblicato il
Aggiornato il

Il percorso di ricerca è durato circa 15 anni e ha portato alla metodologia denominata Metodologia per la leadership orizzontale e le organizzazioni integrate (Looi), che permette di risolvere molte delle criticità rilevate nei percorsi di sviluppo organizzativo e formativi comunemente utilizzati. Tra i fondamenti  teorici, la metodologia riprende e attualizza le ispirazioni della Olivetti di Adriano, che per primo portò le scienze umane in fabbrica.

La metodologia si basa sul superamento della tradizionale visione positivista che ancora domina la cultura organizzativa, basata sul comando e controllo e fondata sui principi della fisica quantistica, che ha dimostrato che osservatore e realtà osservata sono in continua interazione sinergica. Traslando questa visione in ambito organizzativo e sposando una visione transdisciplinare, anche in base alle recenti scoperte delle neuroscienze, la metodologia propone di considerare la persona come un “sistema” che interagisce e co-determina il sistema organizzativo in modo sinergico ed evolutivo. I lavori di analisi delle criticità degli approcci tradizionali hanno infatti messo in evidenza che si è spesso commesso l’errore di fondo di lavorare separatamente o sulle persone o sui processi, come fossero due realtà indipendenti.

Per permettere la co-generatività tra sviluppo personale e organizzativo, la metodologia propone di superare la dimensione frammentata per funzioni, tipica dei modelli manageriali di stampo positivista, per sposare una visione sistemica e trasversale ai settori, dove ogni processo organizzativo viene ripensato dalle persone che lo agiscono, in funzione non della gerarchia, ma delle finalità della organizzazione, ossia del beneficiario. Viene così integrata una dimensione verticale - che pur deve rimanere in quanto legata a responsabilità legali ed economiche - con una orizzontale, connessa allo sviluppo personale, professionale e collaborativo, con alto impatto sulla motivazione. La metodologia propone a tal fine un percorso generativo di nuovi processi e competenze, nel quale le persone allenano un nuovo tipo di leadership adatto alla complessità: la leadership orizzontale. Essa consente il superamento dello spontaneismo comportamentale e una rinnovata consapevolezza individuale, del contesto e di sé come co-creatori del contesto

Il percorso proposto porta a delle organizzazioni “integrate”: esse consentono di ridare senso e motivazione alle persone, creando delle comunità orientate dal processo del beneficiario tramite l’offerta di un prodotto e/o servizio. L’autrice parla quindi di “umanesimo della vita organizzativa” proponendo una via che stimola un'intelligenza umana “aumentata”, in grado di generare in modo consapevole e responsabile nuove forme e modalità di lavoro.

Il libro, rivolto a formatori, consulenti, manager e ricercatori sociali, riporta esempi, esercizi e casi applicativi utili a comprendere e utilizzare la metodologia. Essa propone modalità di intervento nelle organizzazioni che consentono il superamento dello spontaneismo comportamentale e una rinnovata consapevolezza individuale, del contesto e di sé come co-creatori del contesto. La metodologia è stata sperimentata efficacemente in organizzazioni profit, no profit e pubbliche, oltre che declinata in progetti di sviluppo locale e placement.

titolo: Verso un umanesimo della vita organizzativa
categoria: Specialistica
autore: Erica Rizziato
editore: Franco Angeli
pagine: 256
prezzo: €  28,00