Televisione

Rocco Petrone, l'italiano che conquistò la Luna

Una scena del documentario Luna italiana
di Rita Bugliosi

All'ingegnere di origine lucana, direttore delle operazioni di lancio della missione spaziale che ha portato nel luglio 1969 all'allunaggio, è dedicato il documentario “Luna italiana” diretto da Marco Spagnoli che sarà visibile a maggio sul canale History Channel di Sky

Pubblicato il

“Luna italiana” il documentario di Marco Spagnoli prodotto da Istituto Luce Cinecittà per A+E Networks Italia/History con il patrocinio dell'Agenzia spaziale italiana e in collaborazione con la Nasa, visibile a maggio su History Channel (canale 407 di Sky), racconta la vita e l'attività di Rocco Petrone, direttore delle operazioni di lancio dell'Apollo 11, la missione spaziale che il 16 luglio 1969 porta per la prima volta l'uomo sulla Luna. Ispirato al volume di Renato Cantore “Dalla Terra alla Luna, Rocco Petrone, l'italiano dell'Apollo 11” (Rubbettino), il film ricostruisce tutto il percorso che conduce il figlio di immigrati lucani originari di Sasso Castalda (Pz) a divenire fra i principali protagonisti di una delle imprese più eclatanti nella storia dell'umanità.

Di lui si racconta come a scuola fosse brillante e dotato di una straordinaria memoria, qualità che ne fanno uno tra i migliori diplomati della Wilbur Lynch High School di Amsterdam, centro della contea di Montgomery, nello Stato di New York. A diciassette anni supera la selezione per l'ingresso nell'autorevole Accademia militare di West Point, quindi frequenta due anni al prestigioso Mit, il Massachusetts Institute of Technology di Boston, dove consegue il master in Ingegneria.

Ma è a Huntsville, in Alabama, che Petrone conosce uno dei personaggi decisivi per la sua vita e per la sua attività: Wernher Von Braun, il tedesco esperto di missilistica al quale il presidente Dwight Eisenhower affida la direzione della Nasa, creata per vincere la battaglia con l'Unione Sovietica per la conquista dello spazio. Von Braun, ottenuto quell'ambizioso incarico, si ricorda del ragazzo italiano dotato di una memoria di ferro e di una disciplina inflessibile e lo chiama a Cape Canaveral, per metterlo subito al lavoro sul progetto “Saturno”, il gigantesco missile propulsore a tre stadi destinato a dare la spinta alla navicella spaziale che doveva portare i primi uomini sulla Luna.

Petrone lavora con impegno, nella convinzione che niente vada lasciato all'improvvisazione e che ogni dettaglio debba essere valutato con attenzione: vengono effettuate prove e controlli continui, si lavora per dodici-quattordici ore al giorno. Uno sforzo immenso, ma necessario per arrivare puntuali all'appuntamento con la storia, fissato a Cape Kennedy, per il lancio dell'Apollo 11.

Ricorrendo alle testimonianze di personaggi quali i giornalisti Tito Stagno, Piero Angela, e Oscar Cosulich, l'astrofisico Amedeo Balbi, l'ingegnere aerospaziale Roberto Somma, e alle rare e affascinanti immagini di repertorio provenienti dagli archivi di Istituto Luce, Teche Rai, Associated Press, Bbc e Nasa, il documentario racconta in modo articolato la storia della corsa allo spazio, il duello tra America e Unione Sovietica in piena “guerra fredda”, proponendo un viaggio attraverso la scienza per ricostruire la sfida tecnologica per la conquista dello spazio, ma non trascurando il contesto culturale in cui è avvenuto.

“Luna italiana” ha vinto nei giorni scorsi il Premio ex–aequo come Miglior documentario al Tsiolkovsky Space Fest, il più importante festival russo sullo spazio, legato al Museo permanente dell'esplorazione del cosmo, e una delle principali rassegne del mondo dedicato al settore. In occasione della premiazione il regista ha commentato: “In tempi come questi la figura di Rocco Petrone ci ricorda come si possano superare tutti gli ostacoli anche nei momenti più difficili e duri”.

Un messaggio che, in tempi di Coronavirus, suona come un monito e conferisce valore esemplare all'ingegnere lucano.

La scheda

Titolo: Luna italiana

Regia: Marco Spagnoli 

Cast: David Paparozzi (montaggio), Max Di Carlo (musica), Niccolò Palomba (fotografia)

Info: http://www.historychannel.it/

Rocco Petrone
Argomenti